Animali da concerto
Dic06

Animali da concerto

Animali da concerto @Antonio Castronuovo, 30 ottobre 2022 Non c’è solo il fenomeno dell’asino pittore, quello a cui qualcuno ha legato alla coda un pennello inzuppato di vernice e, facendo scodinzolare l’animale su una tela, gli ha fatto comporre quadri, che peraltro sono andati a ruba. Non solo: c’è anche il fenomeno degli animali musicisti, e si tratta perlopiù di gatti che, zampettando su una tastiera, hanno poi ispirato qualche...

Read More
Agonie liriche
Dic06

Agonie liriche

  Agonie liriche @ Antonio Castronuovo, 06-08-2022   Tra coloro che oltre a Wilde avevano la battuta pronta e pungente c’era George Bernard Shaw, che una volta definì l’opera lirica come lo spettacolo nel quale qualcuno viene pugnalato «e invece di morire si mette a cantare». Questo è infatti un accadimento tipico del melodramma, dotato di alcuni superbi prototipi. Appena soffocata nel suo letto dal geloso Otello, Desdemona...

Read More
Un ricordo di Cathy Berberian
Dic06

Un ricordo di Cathy Berberian

  Un ricordo di Cathy Berberian @ Antonio Castronuovo, 20-08-2022   Disse un giorno Cathy Berberian: «La musica è l’aria che respiro e il pianeta che abito». Scomparsa nel 1983 a Roma, in quell’Italia in cui aveva trovato la strada della compiutezza artistica, feci in tempo a visitare quel pianeta, ad ascoltare la sua magnifica voce che sembrava fatta apposta per i madrigali e per l’espressionismo atonale e dodecafonico. Era...

Read More
Sessualità melodrammatica. “L’opera a luci rosse” di Federico Fornoni, Ed. Olschki
Dic06

Sessualità melodrammatica. “L’opera a luci rosse” di Federico Fornoni, Ed. Olschki

Sessualità melodrammatica @ Antonio Castronuovo, 28-06-2022   Sono talmente belle certe arie, cavatine e cabalette dell’opera lirica italiana da distrarre dal contenuto del plot, che fugge via inavvertito o passa in seconda linea. Già all’opera si fatica a seguire il libretto, figuriamoci se si riesce a porre mente al problema umano e sociologico che prorompe dal singolo melodramma. Se non fosse che i problemi ci sono e sono...

Read More
Un europeo nel ventennio
Ago15

Un europeo nel ventennio

Un europeo nel ventennio @Antonio Castronuovo, 12-04-2022  Tutta da rivalutare la musica italiana del Ventennio: Casella, Petrassi, Malipiero, Pizzetti… E certo grazie alla formazione parigina, dove fu allievo di Fauré al conservatorio, amico di Stravinskij e dove poté respirare l’aria dei Satie, Debussy e Ravel, Alfredo Casella (1883-1947) fu – tra i compositori della «generazione degli Ottanta» – colui che meglio donò alla...

Read More