La Bestia in agguato. “Hai mai avuto paura?” di Ambra Principato

, , , , ,   

La “Bestia” in agguato. Hai mai avuto paura? di Ambra Principato

@ Mattia Aloi, 15 gennaio 2024

“La più antica e potente emozione umana è la paura,

e la paura più antica e potente è la paura dell’ignoto.” 

Howard Phillips Lovecraft

Se siete amanti dell’horror di qualità non dovete perdervi il primo lungometraggio di Ambra Principato, la quale riesce a dimostrare tanta capacità nella descrizione delle scene quanto nel costruire la storia. 

Ci troviamo in Italia, in una regione non meglio precisata, anno 1813. Una famiglia della piccola nobiltà si trova alle prese con una Bestia che fa scempio degli armenti e la paura inizia a serpeggiare fra i contadini, che chiedono sia convocato un cacciatore esperto.

La qualità più grande di questa pellicola è quella di non perdersi in inutili manfrine: ormai siamo tristemente abituati al dover ricevere una spiegazione per ogni elemento di trama, perdendo il gusto del mistero e del colpo d’occhio; Ambra Principato invece presenta tutti gli elementi necessari lasciando che sia lo spettatore a ricostruire i punti oscuri della vicenda e anzi giocando con la metacognizione dello spettatore navigato suggerendogli, senza esplicitarle, una rosa di possibilità che rendono ancora più intrigante la vicenda. Altro punto di forza del film è la capacità di non mostrare, esaltando il fascino e il terrore per ciò che non si riesce a vedere: in molte pellicole il “mostro” fa la sua comparsa per mezzo dei jump scare  (prendo ad esempio il remake di It nel quale in nostro Pennywise è così presente in scena da far sembrare il tutto una puntata di Scooby doo). In Hai mai avuto paura sebbene la Bestia sia sempre il soggetto del racconto la sua presenza è quasi puramente “noumenica”, il terrore in agguato della cui presenza siamo consapevoli ma che non si palesa fin quando non è troppo tardi. 

In controtendenza è anche il ritmo: una narrazione costante, che si prende i tempi necessari senza sbavare nella prolissità ma che non insegue la tendenza moderna a sovraccaricare lo spettatore per mantenerne l’attenzione.

Unica pecca da un punto di vista squisitamente personale è un problema comune a gran parte del cinema italiano: la lingua. Se i nobili possono permettersi di parlare in modo forbito e senza inflessione, è difficile ascoltare i personaggi del volgo mantenere una dizione non autoctona; questa problematica è causata dalla nostra lingua comune così artefatta da risuonare fasulla all’orecchio.

In ogni caso il film è consigliatissimo soprattutto perché nel panorama Italiano è raro trovare registe con il coraggio di non accomunarsi alla mediocritas mainstream.

Hai mai avuto paura?

Data di uscita 27 Luglio 2023 (Italia)

Genere Drammatico, Fantastico

Anno 2023

Regia Ambra Principato

con Justin Korovkin e Lorenzo Ferrante

Paese Italia

Distribuzione Vision Distribution

Author: Mattia Aloi

Share This Post On