Franco LA MAGNA- Cinema, Recensioni brevi (“Heidi”,”Il condominio dei cuori infranti”)

 

Cinema   Recensioni brevi

 

 

DUE FILM RECENTI

La bimba “taumaturgica” dei monti e il triste condominio francese

****

 

Heidi (2015) di Alain Gsponer. La piccina inventata dalla penna di Johanna Spyri che con la sua bontà “ecologica” – il viscerale amore per la natura e per gli esseri umani, ha incantato e commosso generazioni d’infanti, di mamme e papà – resuscita sul grande schermo, dopo varie versioni cinematografiche, serie televisive di cartoon (tra cui quella italiana andata in onda nel 1978, con la sigla divenuta subito una hit, cantata da Elisabetta Viviani) fumetti e perfino…francobolli. “Heidi”, l’Adelaide delle caprette, dei monti innevati e degli spazi incontaminati, risorge (ad interpretarla per la prima volta fu Shirley Temple nel 1937), preceduta dalla sua ormai consolidata fama e da un non indifferente battage pubblicitario, come vero e proprio blockbuster di fine stagione, subito schizzato nella top-ten degli incassi. Buoni sentimenti, fedeltà al romanzo e normale happy-end per questa full immersion nella natura contrapposta all’alienante produttivismo cittadino e alla compassata freddezza della ricca dimora cittadina della paralitica Klara, la bimba che miracolosamente ritrova l’uso delle gambe nelle incorrotte distese verdi delle Alpi svizzere, dove recupera l’affetto momentaneamente perduto della “taumaturgica” e scoppiettante Heidi. Produzione, come è d’uopo, Svizzera/Germania (dove il romanzo è ambientato)                                                                                              Interpreti: Anuk Steffen (Heidi) – Bruno Ganz (il nonno) – Quirin Agrippi (Peter) Isabelle Ottmann (Klara) Hannelore HogerMaxim MehmetKatharina SchüttlerJella HaaseMichael KranzHeinrich GiskesRebecca IndermaurPeter JecklinMonica Gubser

 

 

****

 

 

Il condominio dei cuori infranti (2015) di Samuel Benchetrit. Con un tocco decisamente surreale il semiscononosciuto Benchetrit indaga sulla solitudine e sugli acciaccati sentimenti umani (ma anche sull’inaspettata solidarietà e sulla forza titanica dell’amore), planando su un “pittoresco” condominio popolare ubicato nella grigia, triste, desolata, periferia parigina (il film inizia con una buffa riunione condominiale) e abitato da fauna eterogenea. L’intreccio di tre storie (l’astronauta NASA precipitato in terrazza, l’attrice in disarmo e il “fotografo”, momentanemamente paralitico, innamorato dell’infermiera di notte) ne fanno quasi un film ad episodi, ma superato l’impasse e il piacevole stordimento delle prime battute perde di smalto, svivola lentamente in un noioso déjà vu , per riprendere solo in chiusura tutta la mestizia che qua e la il tono del racconto rende più lieve. Stravagante, curioso, con qualche metafora non proprio originalissima.. Buona la prova d’un cast “blasonato”.                                                                                                                                         Interpreti: Isabelle HuppertGustave Kervern Valeria Bruni TedeschiMichael PittJules Benchetrit Tassadit Mandi Mickaël GraehlingLarouci DidiAbdelmadjid Barja Thierry Gimene

Author: admin

Share This Post On